Ce lo ha insegnato la montagna: arrendersi mai. E così viviamo.

da | 6 Gen 21 | Pensieri in cammino, Uncategorized | 0 commenti

itinarrando - campo staffi

di Alex Vigliani

La montagna è scuola di vita.
La montagna su banchi di scuola di rocce e corteccia e terra ci insegna a non arrenderci mai.
Anche quando le condizioni non sono favorevoli, il tornare indietro non è mai resa. Soprattutto perché ti darai una seconda possibilità e lei te ne concederà: puoi esserne certo.
La montagna detta con maestria una visione del futuro sempre e comunque ottimistica, perché se pensi che ci sarà di sicuro un domani, vuol dire che presupponi vita.
VITA a piene mani.

Ma al di là di questo e di quel di cui si potrebbe parlare, la montagna ci ha insegnato davvero a non arrenderci. L’approccio dinanzi a una salita o a un passaggio o ancora a una linea particolarmente insidiosa. Non arrendersi alla fatica, al fiato grosso di certe pendenze, allo scarpone che fa male, al caldo, al freddo, alla neve che s’accumula su un sentiero e che ti costringe al doppio, al triplo della fatica.

E così, figli di questo mondo, viviamo ogni giorno della nostra vita con l’idea che se oggi non va, comunque ci riproveremo, che se si fa fatica, con il giusto passo e dinanzi a una salita comunque andremo avanti.

La montagna ce lo ha insegnato, non esiste resa perché torneremo sempre e con il sorriso stampato in faccia.
Anche se tutto oggi sembra non andare per il verso giusto.

ULTIMI POST

Elogio dell’imperfezione: la Georgia, il Grande Caucaso e altre storie

Elogio dell’imperfezione: la Georgia, il Grande Caucaso e altre storie

“Non smetteremo di esplorare. E alla fine di tutto il nostro andare ritorneremo al punto di partenza per conoscerlo per la prima volta” Di Luana Ricci   Il Caucaso scorre lento dal finestrino sotto a una pioggia battente. Attraversiamo piccoli villaggi di periferia,...

La natura nuoce gravemente a chi ti vuole zitto e obbediente

La natura nuoce gravemente a chi ti vuole zitto e obbediente

di Alex Vigliani Il contagio emotivo della libertà,dei grandi spazi, del ritorno al selvaggio.Ben oltre le gabbie di cemento della metropoli del vizio ci sono cattedrali di rocce e boschi, cieli e praterie, spiagge incontaminate e luoghi infiniti di infinita bellezza....

Share This
Scrivici!
X