In natura e in montagna: il cellulare in tasca, silenziato e solo per le foto, grazie!

da | 5 Giu 20 | Pensieri in cammino | 0 commenti

Oggi in tanti sentono questi bisogno di ritorno alla natura. Un fiume eterogeneo di persone che avvertono, forse, che il punto di non ritorno è stato superato e ora ascoltano il richiamo dei boschi. E fin qui, tutto bene. Poi? Poi te li ritrovi con gli occhi dentro il cellulare o peggio con i figli che han portato per fare un’esperienza in natura, più attenti a seguire qualche giochino sullo smartphone che non a quanto ci sia intorno.
Ogni tre passi il telefono che squilla, il messaggio, la notifica e chi più ne ha più ne metta.
Non è così. In natura ci si va guardandosi intorno, allenando gli occhi, il respiro, il corpo. Stando attenti al messaggio che il fisico dà indietro.
Non ci si va – e sono netto – portando i mezzi che normalmente utilizziamo dentro casa per trascurare il tempo, nemmeno fossimo in attesa e seduti in bagno.
Il cellulare va in tasca, possibilmente silenziato se non si hanno reali motivazioni d’emergenza. E per due motivi: l’altro non vuole essere disturbato dal continuo suono del telefono. E per amor proprio. Vivete il momento, distogliete l’attenzione da questo maledetto cellulare che vi possiede!

ULTIMI POST

Via degli Dei ottobre 2022

Via degli Dei ottobre 2022

Resoconto di Alex Vigliani La Via degli Dei è attualmente uno dei cammini più conosciuti in Italia, attraversa l'Appennino Tosco Emiliano in punta di piedi, in equilibrio su crinali su cui la storia ha impresso i propri segni. Tra i 120 e i 140 km a seconda delle...

Islanda: Un viaggio alla riscoperta del tempo

Islanda: Un viaggio alla riscoperta del tempo

di Luana Ricci È la terra degli elementi per eccellenza, dove la roccia nera si fonde col ghiaccio, con l’acqua e col fuoco inun mirabile gioco che toglie il fiato. Il pianeta esprime sé stesso nelle sue forme più pure, lasciando l’animoperdersi nei suoi ricordi più...

Grecia: Il Monte Olimpo, là dove banchettano gli dei

Grecia: Il Monte Olimpo, là dove banchettano gli dei

di Alex Vigliani Della salita al Monte Olimpo leggerete qualsiasi cosa. Relazioni veritiere e relazioni fatte all'acqua di rosa da chi non è mai arrivato nemmeno a Skala e che, fermatosi al rifugio e al caldo di due polpette e un piatto di spaghetti "alla bolognese",...

Share This
Scrivici!