Montagna: sei tu che mi conquisti e mai il contrario. Elogio delle vette.

da | 6 Mag 20 | Pensieri in cammino | 0 commenti

di Alex Vigliani

Non ti ho mai conquistata, perché da sempre mi conquisti nel senso del ritorno, nel ritorno che è nostos d’Ulisse, tu che sei Penelope, Circe, Calypso e Nausicaa tutte insieme. Tu che sei sirena e non c’è albero maestro che tenga, richiami e mi richiami ogni oltre ragionevole dubbio.

Non ti ho mai presa, perché sei tu che prendi il mio cuore, muovendo a passione, d’amore sfrenato, frenesia di libertà e passo, che all’inciampo segue l’azzurro del cielo e il fiato mozzato dalla ripida salita che m’avvince pur quando sento di averti raggiunta.

Non ti ho mai posseduta, perché sei tu che mi possiedi in ogni parte, quella parte che è più importante e che non attiene al corpo o al sudore: che è mente, sangue, linfa vitale. E non esiste altro che umana volontà abbia creato, capace di darmi quel che tu mi dai indietro, fino a dire sul più scomodo calcareo tuo trono di esser lieto tra le tue braccia.

Non c’è ascesa da calcolare in metri, non c’è guadagno e perdita d’altitudine poiché non esiste economia umana se riesco a essere amalgama con il camoscio, il cervo, l’orso schivo e il lupo, con l’aquila che dall’alto scruta. Empatico con anche il più piccolo strisciante essere che più di me vale, perché più di me vive le tue vene, il tuo profilo, i ciuffi di cardi cullati dal vento, gli anemoni timidi, il bucaneve, la genziana, l’asfodelo e i tuoi sassi modellati dall’echeggiar delle onde di un mare che un tempo ti rendeva isola.

Tu insegnalo come l’hai insegnato a me, infondi come hai fatto con molti, che non c’è niente da prendere, nulla da conquistare, che nel senso del ritorno che doni al viandante, c’è semmai il tuo di prendere e avvincere ogni resistenza perché ritorno, perché l’amore umano è ben poca cosa rispetto all’estensione infinita della tua natura.

ULTIMI POST

Via degli Dei ottobre 2022

Via degli Dei ottobre 2022

Resoconto di Alex Vigliani La Via degli Dei è attualmente uno dei cammini più conosciuti in Italia, attraversa l'Appennino Tosco Emiliano in punta di piedi, in equilibrio su crinali su cui la storia ha impresso i propri segni. Tra i 120 e i 140 km a seconda delle...

Islanda: Un viaggio alla riscoperta del tempo

Islanda: Un viaggio alla riscoperta del tempo

di Luana Ricci È la terra degli elementi per eccellenza, dove la roccia nera si fonde col ghiaccio, con l’acqua e col fuoco inun mirabile gioco che toglie il fiato. Il pianeta esprime sé stesso nelle sue forme più pure, lasciando l’animoperdersi nei suoi ricordi più...

Grecia: Il Monte Olimpo, là dove banchettano gli dei

Grecia: Il Monte Olimpo, là dove banchettano gli dei

di Alex Vigliani Della salita al Monte Olimpo leggerete qualsiasi cosa. Relazioni veritiere e relazioni fatte all'acqua di rosa da chi non è mai arrivato nemmeno a Skala e che, fermatosi al rifugio e al caldo di due polpette e un piatto di spaghetti "alla bolognese",...

Share This
Scrivici!