Warning: Illegal string offset 'url' in /web/htdocs/www.itinarrando.com/home/wp-content/themes/goto/inc/helpers.php on line 1421
Hit Enter to search or Esc key to close
Blog thumbnail

Oggi mi affido al sogno, ma il mio canto libero sei SEMPRE tu: camminare

Oggi mi affido al sogno, ma il mio canto libero sei SEMPRE tu: camminare

Blog thumbnail

Di Alex Vigliani In un mondo che, non ci vuole più il mio canto libero sei tu. Oggi mi affido all’immaginazione, al racconto, ai ricordi che sanno di bosco, legno e funghi. Di fioriture e primi accenni di primavera. Di scambi, sapori, di mani fredde e brina sui prati. Esercizio di memoria e sensorialità. Di

Condividi su:
Blog thumbnail

Indipendente, decisa e coraggiosa: sei tu donna in cammino!

Indipendente, decisa e coraggiosa: sei tu donna in cammino!

Blog thumbnail

di Alex Vigliani Se l’immaginario collettivo e un po’ sessista le colloca tra borsette, tacchi e gonne, trucchi, rossetto e fard loro – le donne – si sono lavate il viso in acqua di sorgente, hanno calzato scarponi pesanti e si sono messe in cammino. Le radici, quelle più salde, le han trovate tra i

Condividi su:
Blog thumbnail

Camminare ai tempi del coronavirus: continuare a farlo in gruppo, Itinarrando non si arrende! Ecco cosa cambia.

Camminare ai tempi del coronavirus: continuare a farlo in gruppo, Itinarrando non si arrende! Ecco cosa cambia.

Blog thumbnail

di Alex Vigliani Le direttive del governo NON ci dicono di fermarci, anzi promuovono e caldeggiano le attività all’aperto. Non è stato imposto alcuno stop per le escursioni e questo perché l’esperienza in natura risulta essere attività preferibile allo stare in città. Certo, poi dipende da ciò che si decide: e noi abbiamo deciso di

Condividi su:
Blog thumbnail

Riprendersi la lentezza: la pace, il bosco e l’eremo del Caùto

Riprendersi la lentezza: la pace, il bosco e l’eremo del Caùto

Blog thumbnail

di Alex Vigliani La cascata è lì meno generosa di altri anni e scompare quasi subito appena mi inoltro nel bosco, tramutandosi  in eco e poi in dissolvenza. La Riserva Naturale di Zompo Lo schioppo è un posto che scorre, un luogo in cui l’acqua è l’elemento principale. Non è difficile comprendere come qualcuno possa

Condividi su:
Blog thumbnail

Magia del Molise e del Monte Marrone: ho incontrato il pittore eremita Charles Moulin

Magia del Molise e del Monte Marrone: ho incontrato il pittore eremita Charles Moulin

Blog thumbnail

Di Alex Vigliani “E mai un pensiero non al denaro, non all’amore né al cielo”. Nel mio cammino ho incontrato Moulin, Charles Moulin. Salendo sulla vetta del Marrone, attraverso faggete di esemplari giganti e grandi segreti come solo il bosco sa trattenere, guadando torrenti di nevi disciolte e rimirando il cielo tra le fessure che

Condividi su:
Blog thumbnail

Innamorati di ogni passo

Innamorati di ogni passo

Blog thumbnail

Di Michela Battisti A noi che non vediamo l’ora di tornare lì dove ci sentiamo a casa, a noi che per andare in montagna ci svegliamo all’alba senza batter ciglio e bofonchiamo invece tutti gli altri giorni, a noi che studiamo con attenzione un albero per capire da quale parte sia più opportuno abbracciarlo, a

Condividi su:
Blog thumbnail

Camminando con un figlio, l’incontro con Il Piccolo Principe

Camminando con un figlio, l’incontro con Il Piccolo Principe

Blog thumbnail

Di Alex Vigliani Così di colpo ti ritrovi a rimettere a posto un motore in panne, quel motore che singhiozza sempre prima di cominciare a camminare. E lo fa perché è sporco, insozzato da certi contesti quotidiani che, nonostante tutto, riescono sempre a far breccia. Dicevo che ti rimetti in marcia con questo singhiozzare, una

Condividi su:
Blog thumbnail

Di occhi vivaci e scarpe sempre sporche

Di occhi vivaci e scarpe sempre sporche

Blog thumbnail

Di Michela Battisti Li riconosci perché vanno in giro con gli occhi vividi e le antenne dritte, lo sguardo intento a catturare dettagli che sembra non vogliano più lasciar andare. Usano gli strumenti più disparati per immortalare quello che riescono ad intercettare, dagli obiettivi fotografici ai palmi delle mani, dai taccuini fedeli alle pieghe delle

Condividi su:
Blog thumbnail

Albero IO ti scelgo come amico perché…

Albero IO ti scelgo come amico perché…

Blog thumbnail

Di Alex Vigliani Albero io ti scelgo come amico. Mi ricordi mia madre con le braccia protese verso di me, con il busto forte che non s’arrende ai venti, che se mi riparo mi difende. Che ogni cosa vede prima e prima di me sa capire il pericolo. Quanto grande mi sembrava mia madre quand’ero

Condividi su:
Blog thumbnail

La neve ci insegna il valore dell’attesa

La neve ci insegna il valore dell’attesa

Blog thumbnail

Trepidante sospensione. Si fa attendere, come la più preziosa delle spose. Si fa desiderare, come un regalo che aspetta solo di essere scartato. E sogniamo i nostri scarponi calpestarla, ciaspole ai piedi per un’esperienza che si tinge di bianco, tisane e cioccolate calde da sorseggiare in tazze grandi davanti a un caminetto scoppiettante, mentre fuori

Condividi su:
Blog thumbnail

A piede libero, perché camminare è palestra di libertà

A piede libero, perché camminare è palestra di libertà

Blog thumbnail

di Francesca Mattiello Passi liberi. Camminare non è questione agonistica, camminare ha a che fare con altro. Non è solo la scelta dello scarpone migliore e dello zaino più comodo da mettere in spalla, non è una questione cronometrica o di velocità di arrivo nel vano tentativo di accelerare il tempo, riempiendolo quasi fino a

Condividi su:
Blog thumbnail

Io cammino. Perché camminare è un viaggio senza fine.

Io cammino. Perché camminare è un viaggio senza fine.

Blog thumbnail

di Alex Vigliani  Perché ho scelto come immagine un camoscio su una rupe? Perché alle volte il cammino è tortuoso, perché se penso a un bambino, se penso al primo passo dell’uomo, l’archetipo della roccia cui arrampicarsi per prendere il tuo posto, quel che mi torna forte in mente è proprio la figura del camoscio.

Condividi su:
Blog thumbnail

Infinito camminare: cercati ancora e ritrova te stesso con le ginocchia sbucciate e gli occhi di bambino

Infinito camminare: cercati ancora e ritrova te stesso con le ginocchia sbucciate e gli occhi di bambino

Blog thumbnail

Passi una mano sulle ginocchia. Quella cicatrice ti riporta a qualche anno fa. Era il viale polveroso che portava a casa tua e hai battuto quel punto così forte che ancora al pensiero senti il male che ti si infila dentro.Poi ti sei rialzato, sei andato oltre e hai attraversato sentieri con l’avida voglia di

Condividi su: